Cambio Residenza

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE :

CAMBIO DI RESIDENZA IN TEMPO REALE

L’art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in Legge 4 aprile 2012, n. 35, introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di:

  1. ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE
  2. ISCRIZIONE ANAGRAFICA DALL’ESTERO
  3. CAMBIO DI ABITAZIONE ALL’INTERNO DEL COMUNE
  4. EMIGRAZIONE ALL’ESTERO

nonché il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese.

I cittadini dovranno rendere le dichiarazioni anagrafiche attraverso la compilazione di moduli disponibili su questa pagina (“Dichiarazione di trasferimento all’estero” o ” dichiarazione di residenza“) compilati in tutte le parti indicate come obbligatorie. Si precisa che la mancata compilazione dei dati di patente e/o indicazione delle targhe dei veicoli intestati al dichiarante o ad eventuali familiari,  non consente di provvedere alla richiesta di aggiornamento alla Motorizzazione della documentazione relativa, che dovrà essere quindi effettuata in autonomia dal cittadino presso uno degli intermediari abilitati.

Alla dichiarazione deve essere allegata copia del documento d’identità di tutte le persone che trasferiscono la residenza che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.

I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche nei seguenti modi:

  1. per RACCOMANDATA POSTALE all’indirizzo: Comune di Concorezzo – Piazza della Pace 2 – 20863 CONCOREZZO (MB)
  2. per FAX:  03962800437
  3. per E-MAIL sempliceanagrafe@comune.concorezzo.mb.it
  4. per POSTA ELETTRONICA CERTIFICATAprotocollo@comune.concorezzo.mb.legalmail.it.
  5. per PRESENTAZIONE DIRETTA ALLO SPORTELLO DEI SERVIZI DEMOGRAFICI

Non potrà essere garantito il rispetto dei termini di legge se le dichiarazioni verranno inoltrate ad altri indirizzi.  

L’invio di cui ai punti 3 o 4 è consentito ad una delle seguenti condizioni:

  1. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  2. che l’autore sia identificato dal sistema informatico con l’uso della Carta d’identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l’individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  3. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
  4. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d’identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

I cittadini extracomunitari e i cittadini comunitari oltre alla dichiarazione di iscrizione anagrafica, dovranno allegare la documentazione di cui all’allegato A (cittadini extracomunitari) e all’allegato B (cittadini comunitari provenienti dall’estero)

PROCEDURA SEGUITA DALL’UFFICIO ANAGRAFE

A seguito della dichiarazione resa l’Ufficiale d’Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i due giorni lavorativi successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni stesse.

L’Ufficiale d’Anagrafe deve, entro 45 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione, disporre accertamenti per verificare la dimora abituale e la regolarità della documentazione presentata (per i cittadini dell’Unione Europea) e deve comunicare al cittadino interessato, entro lo stesso termne, l’eventuale esito negativo.

Se, decorso tale termine, il cittadino non riceve alcuna comunicazione da parte del Comune, la pratica si considera definitivamente accettata, con applicazione della regola del silenzio – assenso.

CONSEGUENZE IN CASO DI DICHIARAZIONI MENDACI

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace; inoltre l’Ufficiale d’Anagrafe effettuerà apposita segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accetamenti esperiti.

Inoltre , in allegato alla dichiarazione anagrafica, il richiedente, in applicazione di quanto previsto dall’art. 5 del D.L. 47/2014, LOTTA ALL’OCCUPAZIONE ABUSIVA DI ALLOGGI, dovrà produrre:

  • copia del titolo abitativo (es. atto notarile, contratto di locazione registrato, contratto di usufrutto o testamento, contratto di comodato, redatto in forma scritta e registrato);

oppure

  • dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà nella quale sia indicato il titolo sulla base del quale occupa l’alloggio.
  • Documenti
Nome File Dimensione
Dichiarazione-di-Trasferimento-di-residenza-allestero.pdf 16 KB
Dichiarazione-di-Residenza.pdf 41 KB
Allegato-B-per-CITTADINO-COMUNITARIO.pdf 152 KB
Allegato-A-per-CITTADINI-EXTRACOMUNITARI.pdf 78 KB