Referendum costituzionale 2020 – Voto domiciliare

Sono ammessi al voto domiciliare gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l’ausilio dei servizi di cui all’articolo 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano. (articolo 1 del decreto legge 3 gennaio 2006, n. 1, convertito con modificazioni dalla legge 27 gennaio 2006, n. 22, come modificato dall’art. 1, della legge 7 maggio 2009, n. 46)

Chi voglia votare presso la propria abitazione, avendone i requisiti, deve pertanto far pervenire, a partire da martedì 11 agosto ed entro lunedì 31 agosto 2020 all’Ufficio Elettorale  la seguente documentazione:

a)il modulo di richiesta  in allegato a questa pagina;

b) un certificato, rilasciato dal funzionario medico, designato dai competenti organi dell’Azienda Sanitaria Locale, in data non anteriore a giovedì 6 agosto 2020 (45° giorno antecedente la data della votazione), che attesti l’esistenza delle condizioni di infermità di cui all’art. 1, comma 1, del D.L citato, con prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato, ovvero delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.

Ulteriori informazioni in merito alla certificazione sanitaria possono essere richieste direttamente all’ASST di Vimercate al seguente recapito telefonico : 039/66 54 901

Le modalità di invio o presentazione della domanda  sono :

1) via fax al numero 039/ 62 800 437;

2) mezzo posta o tramite incaricato;

3) con strumenti telematici, tramite posta elettronica all’indirizzo:  anagrafe@comune.concorezzo.mb.it

sottoscritta con firma autografa e scannerizzata, o con posta elettronica certificata all’indirizzo:

protocollo@comune.concorezzo.mb.legalmail.it  , sottoscritta mediante firma digitale;

Il voto viene raccolto, durante le ore in cui è aperta la votazione, dal Presidente dell’Ufficio elettorale di sezione nella cui circoscrizione è ricompresa la dimora espressamente indicata dall’elettore nella dichiarazione di cui sopra, con l’assistenza di uno degli scrutatori del seggio, designato con sorteggio, e del segretario.  Alle operazioni di raccolta del voto a domicilio possono partecipare i rappresentanti di lista che ne facciano richiesta.

Il Presidente dell’Ufficio elettorale di sezione cura, con ogni mezzo idoneo, che siano assicurate la libertà e la segretezza del voto nel rispetto delle esigenze connesse alla condizione di salute dell’elettore.