Agevolazioni per emergenza epidemiologica da Covid-19 per l’anno 2020

Agevolazioni per emergenza epidemiologica da Covid-19 per l’anno 2020

Nell’attuale contesto di crisi economica dovuta all’emergenza sanitaria da COVID-19, che ha determinato in molti contribuenti la difficoltà di adempiere al pagamento anche dei tributi locali, il Consiglio comunale, con la deliberazione n. 40 del 3 agosto 2020, ha introdotto modificazioni al Regolamento per l’applicazione della tassa rifiuti, prevedendo, per il solo anno 2020, riduzioni tariffarie della TARI in favore di famiglie, imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

Per le utenze non domestiche, le agevolazioni volte a ridurre il carico tariffario sono correlate agli interventi governativi che hanno imposto la chiusura di numerose attività. Alle utenze, il cui codice ATECO principale non è tra quelli indicati nella tabella 1 allegata alla suddetta deliberazione n. 40/2020, è concessa una riduzione della quota variabile di tariffa 2020, nella misura del 25%, liquidata direttamente con il presente avviso di pagamento della tassa rifiuti. L’agevolazione comprende forfettariamente sia la minore producibilità dei rifiuti che la sostenibilità del carico tributario.

Per le utenze domestiche, l’agevolazione consiste in una specifica riduzione tariffaria pari al 25% della tassa rifiuti 2020, da applicarsi sia alla componente fissa che a quella variabile, sulla base delle condizioni di seguito riportate.

Requisiti di ammissibilità: la riduzione tariffaria si applica ai nuclei familiari, in condizioni di difficoltà economica, che dal 23 febbraio 2020 rientra in uno dei seguenti casi:

– sono stati individuati dal Settore Servizi Sociali in esecuzione delle deliberazioni della Giunta comunale n. 31 del 1° aprile 2020 e n. 37 del 22 aprile 2020;

– nei quali almeno un componente del nucleo familiare:

◦ ha perso il posto di lavoro;

◦ è stato messo in mobilità o in cassa integrazione;

◦ ha subito la riduzione dell’orario di lavoro di almeno il 20%;

◦ non ha visto rinnovato almeno un contratto di lavoro a termine.

Presentazione della domanda: i nuclei familiari che abbiano i suesposti requisiti di ammissibilità devono presentare specifica domanda di agevolazione tariffaria, entro e non oltre il 31 ottobre 2020, a pena di decadenza dal beneficio, sul modello predisposto dal Servizio Tributi e riportato in allegato.

Autorizzazione di spesa: Il Comune procede all’istruttoria delle domande dei richiedenti verificandone la completezza e la regolarità e formando una graduatoria dando priorità a quelle alla tempestività della presentazione della richiesta al protocollo comunale, fino a un limite di spesa massimo per l’anno 2020 di € 40.000,00.