IMU, niente sanzioni in caso di ritardo del versamento dell’acconto (se in difficoltà causa pandemia)

L’Amministrazione comunale di Concorezzo ha approvato una delibera che dispone di non applicare sanzioni e interessi nel caso di versamento dell’acconto IMU 2020 in ritardo rispetto al termine previsto del 16 giugno 2020 purchè effettuato entro il 30 settembre 2020.

Questo provvedimento è riservato ai privati e alle attività commerciali e produttive che hanno registrato difficoltà economiche causate dalla pandemia che andranno attestate entro il 31 ottobre 2020.

“Il momento che stiamo vivendo è sicuramente difficile a livello di liquidità per tanti cittadini e anche per tante imprese- ha commentato l’assessore al Bilancio Riccardo Mazzieri-. Questo provvedimento ha l’obiettivo di dare un po’ di ossigeno a quanti si trovano a fare i conti con le scadenze e con le casse che in questo periodo sicuramente sono in sofferenza considerata l’emergenza sanitaria ed economica che abbiamo vissuto in questi mesi. Con questa misura economica vogliamo dare ai concorezzesi e alle imprese del nostro territorio la possibilità di programmare il pagamento con più agio scegliendo un momento in cui disporranno di maggiore liquidità senza per questo incorrere in sanzioni.
Questo provvedimento non è certamente l’unico che abbiamo voluto adottare per offrire misure concrete in sostegno dell’economia cittadina. Ricordiamo che abbiamo posticipato le scadenze delle tasse comunali (TARI, TOSAP e dell’imposta comunale della Pubblicità). Sono poi in fase di studio ulteriori interventi come la diminuzione della TARI per i negozi e le aziende che in queste settimane sono state interessate al lockdown”.

Sulla delibera in allegato sono presenti tutte le informazioni tecniche.